foto_copertina2

La storia

Nell’ottobre del 1980 un gruppo di karateki Abbiatensi , i veterani del “karate club Abbiategrasso”, rimasti senza una guida, chiesero alla federazione di inviare ad Abbiategrasso un maestro che continuasse l’opera di insegnamento e di divulgazione del  karate che  l’istruttore Luigi del Nevo aveva abbandonato per motivi personali. Venne incaricato il maestro Giorgio Rainoldi, uno dei più giovani e promettenti tecnici che la federazione elencava tra le proprie file. Dopo un inizio in sordina con una quindicina  di allievi, la  sede di allenamento fu spostata dall’oratorio S. Gaetano all’ITIS Alessandrini e ricominciò così l’avventura del “karate club Abbiategrasso” che nel 1981 cambiò il proprio nome in “JISSEN DOJO KARATE CLUB” (palestra  del  combattimento reale)  con alla presidenza  il sig. Fausto Villa ed alla direzione tecnica il M° Giorgio Rainoldi.

Il gruppo iniziale man mano si ingrandì fino al gennaio 1985 quando, a causa di lavori di ristrutturazione della  palestra  dell’I.t.i.s., per diversi  mesi la società rimase priva di una sede stabile per gli allenamenti con conseguente perdita dei nuovi praticanti che nel frattempo si erano uniti al gruppo iniziale. Alla ripresa dell’attività sportiva nel mese di  settembre ’85  il presidente  Villa e il m° Rainoldi che nel frattempo non si erano arresi ai contrattempi, pianificarono una nuova avventura per il Jissen Dojo: un aggiornamento sulle nuove metodologie di allenamento che si stavano rapidamente  diffondendo con l’avvento della scienza dello sport nel mondo un po’ “fai da te” del Karate, apertura dei corsi ai bambini, creazione di un gruppo agonistico e, soprattutto, tantissimo entusiasmo ed impegno da parte di tutti.

Contemporaneamente, la  società aderiva alla Federazione Italiana di Karate che il CONI aveva creato “ex novo” per porre fine agli equivoci che numerosi gruppi continuavano a creare spacciandosi per federazioni e vantando riconoscimenti ufficiali da parte del Coni ma  che, in realtà, non  esistevano. Con la nascita della Fitak il Karate entrò a tutti gli effetti nel mondo dello sport Italiano dalla porta principale. Nel 1988, con le nuove elezioni sociali, il presidente Villa lasciò il timone  della  società  al  neoelettoGiacomarra  avv. Carmelo che, unendo il proprio entusiasmo con quello del direttore tecnico, lanciò il Jissen Dojo verso una definitiva e consolidata presenza sul territorio. Nel frattempo il Maestro Rainoldi, specializzatosi presso la scuola  dello  sport  del Coni  all’Acqua Acetosa di Roma – Centro Olimpico, entrò nei quadri tecnici federali e collaborò attivamente con il centro tecnico regionale dove venivano allenati i migliori atleti della Lombardia; questo portò alla società  la possibilità di  usufruire di informazioni e di novità tecniche e didattiche di prima mano ed inserirono il Jissen Dojo tra le società più aggiornate della Lombardia con conseguente beneficio sia dei soci iscritti che, soprattutto,  degli  atleti che si  cimentavano nelle  competizioni.

Nel 1994 venne presa la decisione di spostare la sede di allenamento in una struttura che garantisse la possibilità di allenarsi quotidianamente; ci si trasferì quindi presso la New Gym di  via Don  Sturzo  20.Dal 1994 al 2006 la società Abbiatense si colloca stabilmente tra le prime società in Italia , numerose sono le medaglie conquistate ai Campionati italiani ed  alle gare Internazionali,  nel frattempo la Federazione cambia il suo nome da FITAK in FILPJK e nel 2000 definitivamente in FIJLKAM Federazione Italiana judo Lotta Karate ed Arti Marziali, il m° Giorgio Rainoldi entra in pianta stabile nella  conduzione del Comitato  Regionale, occupandosi dell’attività giovanile e dei rapporti con la scuola, a settembre 2007 un nuovo cambio di sede di allenamento con l’apertura di un proprio Centro Sportivo in via Bollini,7, una sede prestigiosa  pensata appositamente per le arti marziali, dotata di un tatami di allenamento di 220 metri quadrati , una sala d’attesa che all’occorrenza diventa aula didattica, una sala muscolazione per la preparazione atletica, tutta l’attività è seguita dal m° Giorgio Rainoldi coadiuvato da uno  staff tecnico di valore assoluto,  per competenza, qualità tecniche e valori morali, attualmente  composto da  10 tecnici e 2 ufficiali di gara.


Back to Top ↑